Villanova Monteleone

225/377: Villanova Monteleone

ISPIRAZIONE

Villanova Monteleone
Panorama dalla circonvallazione

Oggi viaggio tutto in salita! C’è sempre caldo ma sembra che la temperatura sia scesa di qualche grado. Entro in un territorio a me sconosciuto e molto selvaggio. Man mano che salgo verso il paese la vista si apre su tutta quella che un tempo era la contea di Monteleone, sotto il dominio della famiglia genovese Doria. In tempi geologicamente molto più antichi questa era zona vulcanica, fatto testimoniato dalle alture laviche della zona, a volte somiglianti a veri e propri vulcani, nonostante il fenomeno chiamato ‘inversione di pendenza’ abbia reso alture quelli che un tempo erano fondovalle dove si solidificava il magma.

Arrivo pian piano al centro del paese dove mi aspettano due amici cagliaritani, Isotta e Roberto, che mi ospiteranno per la giornata. Roberto si trasferì qui e iniziò a lavorare in un agriturismo al Monte Minerva, una delle suddette alture vulcaniche che dominano questo territorio, sulla quale si trova una bella riserva boscosa della forestale. Isotta da Cagliari l’ha seguito ed ora vivono in una casetta in centro storico dove alloggerò.

Villanova Monteleone
Scorcio in centro storico

In mattinata e pomeriggio ne approfitto di non avere impegni istituzionali per riposarmi dal caldo. Un’opzione era quella di arrivare alla costa. Questo comune infatti ne possiede un bellissimo tratto, dove passa la strada Alghero-Bosa, famosa per le sue vedute costiere mozzafiato. Io e Roberto siamo senza macchina e non me la sento di fare 16 chilometri per andare, e 16 per tornare (tutti in salita visto che il paese è a 600 metri di altitudine!). Peccato perché mi perdo un’altra strada bellissima, che dovrò aggiungere alla lista dei “grandi assenti” di questo viaggio, insieme anche alla strada che collega il paese direttamente con Alghero, la famosa “Scala Piccada” dove un tempo si correva una cronoscalata di rally.

Appena cala un po’ il caldo io e Roberto facciamo un giro in questo paese che ha in comune il termine Monteleone con il comune che visiterò domani (Monteleone Rocca Doria). Percorriamo varie salite arrivando fino alla circonvallazione alta del paese. Da qui dominiamo tutto questo fantastico territorio. Qui nasce il fiume Temo che si riversa poi nel lago andando verso Monteleone Rocca Doria. In una di queste vallate Federico Fellini girò una scena del film La Bibbia.

Villanova Monteleone
Scalinata dalla via Sturzo

Arriviamo fino alla Fontana Su Cantaru, e proseguendo ci ritroviamo in cima ad una lunga scalinata che attraversa le case del paese, molte con finiture in pietra vulcanica rossa, in stile casa-torre medioevale, un po’ come quelle del centro storico di Bosa.

Villanova Monteleone
Retro della chiesa parrocchiale di San Leonardo da Limoges

Passiamo dietro la chiesa parrocchiale di San Leonardo da Limoges, poi l’Oratorio di Santa Croce e passeggiando tra diverse palazzine nobiliari arriviamo al bel palazzo del Municipio, in trachite rossa ma sormontata da una torretta in calcare bianco con tanto di orologi e grande campana sorretta da una struttura in ferro.

Villanova Monteleone
Municipio

Proseguiamo tra le strade del centro arrivando al bellissimo Su Palatu ‘e Sas Iscolas, le vecchie scuole, dove ora si trova un museo etnografico, ora chiuso. E arriviamo ad una bella piazzetta su cui si affaccia il palazzetto del mercato civico, tutto in blocchi di trachite rossa. Il sole è ormai calato e io e Roberto ci avviamo verso un bar per concludere la serata con una bella Ichnusa ghiacciata!

Villanova Monteleone
Necropoli di Puttu Codinu

PS l’indomani, sulla strada per Monteleone Rocca Doria, mi fermo a visitare la bellissima necropoli di Puttu Codinu, entrando in alcune delle domus de janas, e pensando a tutti i siti archeologici di questa zona non visitati, vista la presenza di nuraghi e di altre necropoli. Purtroppo in questo viaggio non posso vedere tutto!

 

FRAMMENTI SONORI

In arrivo…

 

BREVI NOVELLE SARDE

La breve novella di Sestu era intitolata Sindaci IN sindaci OUT, dopo che tanti mi chiedevano spesso se le risposte delle amministrazioni erano sempre positive. A grande richiesta arriva Assessori IN assessori OUT.

Riportare queste risposte non vuole essere una critica ma una semplice constatazione che non tutti hanno capito o apprezzato il mio progetto, non tutti si sono trovati in un momento giusto od opportuno per aiutarmi o dedicarmi del tempo, e quasi nessuno aveva letto la mia email inviata con largo anticipo alla PEC del comune.

Inoltre voglio rassicurare i lettori di Villanova Monteleone che di solito riporto queste novelle nella pagina di un comune casuale…da qualche parte le dovevo pur mettere!

Assessore OUT (riferito): furbo questo ragazzo…chiedendo un contributo ad ogni comune se ne fa di soldi…mi sa che ce lo facciamo anche noi il giro della Sardegna in bicicletta.

Assessore IN: abbiamo deliberato 100 euro per il tuo progetto, non è nulla davvero.

Assessore OUT (riferito): se dovessimo ospitare ogni ciclista che arriva e ci chiede l’ospitalità saremmo rovinati.

Assessore OUT: salve, la chiamo per dirle che sono veramente entusiasta del suo progetto, però siamo impossibilitati ad aiutarla. Le auguro in bocca al lupo per il proseguimento.

Assessore IN: Abbiamo fatto la liquidazione del contributo…se tutti i comuni lo facessero sarebbe magnifico, una regione intera che collabora, un vero progetto collettivo, un sogno…

Assessore OUT: sai io sono Assessore alla cultura e non saprei proprio come aiutarti…

Assessore OUT: scusi ma chi le ha dato il mio numero??

Assessore IN: appena ho visto la tua email ho pensato non potevamo farci sfuggire questa occasione.

Assessore OUT: mi hanno informata della sua presunta visita…purtroppo io non ci sono e il resto dell’amministrazione è impossibilitata ad accoglierla a causa di strutture non idonee ad ospitarla. Mi dispiace tanto, sarà per una prossima volta (PS la notte poi l’ho passata in un bellissimo b&b del paese pagato da me!).